Home > La Massoneria > Veracità

La Massoneria confutata:

“Veracità”

massoneria

Dottrina massonica

La Massoneria insegna che è giusto mentire, se necessario, per proteggere i ‘segreti’ della Loggia, o per proteggere un altro Massone nascondendo il suo malvagio operare. Può pure essere giusto ingannare deliberatamente Massoni sinceri che cercano di imparare le lezioni e i segreti della Massoneria.

In un manuale massonico si legge infatti: ‘Tu devi nascondere tutti i crimini dei tuoi fratelli Massoni … e se dovessi essere citato come testimone contro un fratello Massone sii sempre sicuro di proteggerlo … Può essere spergiuro fare questo, è vero, ma tu devi osservare i tuoi obblighi’ (Edmond Ronayne, Ronayne’s Handbook of Masonry, pag. 183); ed anche: ‘Se tua moglie, o tuo figlio, o il tuo amico, dovesse domandarti qualsiasi cosa sulla tua iniziazione – come per esempio, se ti furono tolti i tuoi vestiti, se fosti bendato, se ti fu messa una corda attorno al collo, ecc., tu devi nascondere …. devi deliberatamente mentire su ciò. Fa parte del tuo impegno …’ (Ibid., pag. 74).

E Albert Pike affermò: ‘I gradi azzurri [ossia della Massoneria azzurra] non sono che il cortile esterno o il portico del Tempio. Parte dei simboli sono esposti là all’iniziato, ma egli viene intenzionalmente indotto in errore tramite false interpretazioni. Non è inteso che egli li debba capire; ma che egli immagini di capirli. La loro reale interpretazione è riservata agli Adepti, ai Principi della Massoneria’ (Albert Pike, Morals and Dogma, pag. 819 – 819 – 30° Cavaliere Kadosh - http://www.sacred-texts.com/mas/md/md31.htm), ed ancora: ’La Massoneria, come tutte le Religioni, i Misteri, l’Ermetismo e l’Alchimia, nasconde i propri segreti a tutti tranne che agli Adepti e ai Saggi, o gli Eletti, e usa false spiegazioni ed erronee interpretazioni dei propri simboli, per indurre in errore coloro che meritano solo di essere indotti in errore, per nascondere loro la Verità, che essa chiama Luce, e per allontanarli da essa. [....] Così la Massoneria nasconde gelosamente i propri segreti, e intenzionalmente svia gli interpreti presuntuosi’ (Albert Pike, Morals and Dogma, pag. 104-105 – 3° Maestro Libero Muratore – http:// www.sacred-texts.com/mas/md/md04.htm).

E difatti i Massoni imparano cosa è realmente la Massoneria solo quando salgono agli alti gradi della Massoneria, che sono nel Rito Scozzese e nel Rito di York, perché è qui che vengono loro rivelati i misteri della Massoneria che vengono astutamente tenuti nascosti ai Massoni dei primi tre gradi. L’ex massone Jim Shaw, convertitosi a Cristo, nel suo libro The Deadly Deceptionafferma che dopo essere diventato Maestro Massone, un massone gli disse: ‘Jim, tu devi proprio entrare nel Rito Scozzese, perché tu non sai cosa realmente è la Massoneria fino a quando non ci entri. Il Rito Scozzese e i suoi 29 gradi ti apriranno veramente gli occhi’ (Jim Shaw & Tom McKenney, The Deadly Deception, pag. 58).

E difatti, fu proprio entrando nel Rito Scozzese che egli apprese i ‘misteri’ delle religioni pagane di Babilonia, dell’Egitto, della Grecia, della Persia e così via; perché è su quelli che si basa la Massoneria.

Confutazione

La Sacra Scrittura comanda di non mentire

La Bibbia invece dice: “Non attestare il falso contro il tuo prossimo” (Esodo 20:16), ed anche: “Non ruberete, e non userete inganno né menzogna gli uni a danno degli altri” (Levitico 19:11), ed ancora: “Non mentite gli uni agli altri” (Colossesi 3:9). I bugiardi avranno la loro parte nello stagno ardente di fuoco e di zolfo (Apocalisse 21:8), dove saranno tormentati per l’eternità. L’obbligo di dire menzogne in talune circostanze, come anche il deliberato inganno perpetrato ai danni di una parte dei Massoni, mostra la natura diabolica della Massoneria, infatti il diavolo è bugiardo e padre della menzogna (Giovanni 8:44).

[Tratto dal libro "La Massoneria smascherata. Contro l'infiltrazione e l'influenza di questa diabolica istituzione nelle Chiese Evangeliche", scritto da Giacinto Butindaro e pubblicato nella rete il 17 dicembre 2012]

Vai ad inizio pagina.