Home > Temi caldi > Trinità > Confutazione falsa dottrina Branhamiti su Trinità

Confutazione della falsa dottrina Branhamita sulla 'Trinità'

La dottrina Branhamita

La Trinità è una dottrina satanica e quindi il battesimo nel nome del Padre del Figliuolo e dello Spirito Santo è invalido. I Branhamiti negano la Trinità affermando che essa è una dottrina satanica perché Dio è uno solo ed il suo nome è Gesù Cristo e di conseguenza anche il battesimo in acqua per essere valido deve essere ministrato nel solo nome di Gesù Cristo. Ecco innanzi tutto le dichiarazioni di Branham a tale riguardo: ‘Non è che vi siano tre ‘Dei’, bensì UN solo Dio che si manifesta in Tre maniere o con tre diverse funzioni. E’ un solo Dio con tre titoli: Padre, Figlio e Spirito Santo’ (William Marrion Branham, Esposto sulle sette epoche della chiesa, pag. 20); Gesù ‘è Dio il Padre, Figliuolo e Spirito Santo’ (William Marrion Branham, op. cit., pag. 24); ‘In quest’ultima epoca siamo giunti alla fondamentale rivelazione-chiave, cioè alla più importante rivelazione della Divinità che si possa trovare in tutta la Bibbia. Ed è questa: Gesù è Dio, Egli ed il Padre sono uno. V’è solo un Dio e il suo nome è il Signore Gesù Cristo’ (ibid., pag. 448) [1]; ‘D’ora innanzi ritenete bene questo: i fatti riportati or ora sono realtà ma è pure la verità che Satana è un mentitore e il padre di menzogne; e quand’anche venga con una certa luce si tratta pur sempre di menzogna. Egli è un assassino e la sua dottrina della trinità ha rovinato delle folle intere e continuerà a rovinare fino al ritorno di Gesù’ (ibid., pag. 246-247); ‘Fin dal secondo secolo, quelle parole ‘Padre, Figliuolo e Spirito Santo’ erano già state compendiate come una ‘Trinità’ per molti, e l’idea politeistica di tre ‘dei’ era già diventata una dottrina nella falsa chiesa. Così non passò molto tempo che il Nome fu addirittura tolto e ciò avvenne infatti in questa epoca; dove si stabilirono i titoli di quell’unico grande Iddio al posto del nome: Signore Gesù Cristo’ (ibid., pag. 238). Per spiegare con un esempio chi sono il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo, Branham disse: ‘Dio è spirito e Gesù è il corpo nel quale Egli si tenne velato. Vedete?. Poi aggiunsi: Come in casa mia. Di fronte a mia moglie sono suo marito: inoltre ho una giovane figliuola, Rebecca, della quale sono padre. Indi ho un nipotino di nome Paolo e sono suo nonno. Dunque sono marito, padre e nonno. (…) Eppure queste tre mansioni che ho citato nei miei riguardi non sono altro che tre attributi di una sola persona. Così l’unico e solo Dio è: Padre, Figliuolo e Spirito Santo a seconda della sua propria corrispondente e dovuta manifestazione’ (William Marrion Branham, La parola parlata, pag. 11). In base a questa dottrina Branham riteneva invalido il battesimo nel nome delle Tre Persone divine: ‘Mentre la maggior parte apostasiarono, abbracciando la Trinità e praticando il battesimo con l’uso dei titoli della Divinità, il piccolo gregge continuò a battezzare nel Nome di Gesù Cristo, tenendosi così saldo alla Verità’ (W. M. Branham, Esposto…, pag. 238); ‘Ecco perché noi battezziamo nel Nome del Signore Gesù Cristo, poiché questo è il nome e non un titolo. E’ il nome di questi tre titoli!’ (W. M. Branham, op. cit., pag. 24) [2].

Ecco ora quello che dicono i suoi seguaci: ‘Siamo tra coloro che credono che Gesù era la manifestazione visibile del Dio-Padre invisibile, questo lo crediamo perché è Lui stesso a dirlo in Giovanni 14:6-11. Noi siamo tra coloro che credono che c’è un SOLO Dio, e che Egli è SPIRITO (Giov.4:24), e che Gesù era la manifestazione in carne di questo Spirito. Questo Dio-Spirito è Padre poiché ha dei figli. Divenne Figlio perché si fece carne, come uno di noi. È Spirito Santo perché quello è ciò che Egli è. Noi crediamo che i TRE sono UNO; una sola Persona in tre UFFICI. Crediamo che Gesù e il Padre siano uno poiché fu Gesù stesso a dirlo (Giov.10:30). Siamo tra quelli che credono che Dio si è manifestato in carne, poiché fu l’Apostolo Paolo a dichiararlo (I Tim.3:16). Noi crediamo ai Santi Apostoli del Signore. Noi siamo tra coloro che non credono nella INTERPRETAZIONE delle Sacre Scritture, poiché noi crediamo assieme all’Apostolo Pietro che le Sacre Scritture NON sono soggette a privata interpretazione (I Pietro 1:20). Noi siamo tra coloro che credono le cose proprio come Dio le ha dette, senza interpretarle. Per cui siccome sta scritto (Isaia 9:5) che questo Bambino che sarebbe nato sarebbe stato chiamato: “Figlio, Consigliere, Dio potente, Padre eterno, Principe della pace”, allora noi non possiamo fare a meno di credere che in Cristo abita TUTTA la pienezza della Deità CORPORALMENTE, come lo credeva pure l’Apostolo Paolo (Col.2:9). Ora, se TUTTA la PIENEZZA della Deità abita CORPORALMENTE in Cristo, allora se Dio fosse tre persone ben distinte, le altre due non avrebbero niente di deità, poiché Essa abita TUTTA in Cristo! No, noi non siamo di quelli che credono in ‘tre persone’. Quella dottrina della trinità non era una dottrina dei Santi Apostoli del Signore. Essa venne introdotta nel Cristianesimo qualche secolo dopo la dipartita dei Santi Apostoli, esattamente al Concilio di Nicea del 325 D.C. Essa è una dottrina ‘formulata’ dagli uomini, e non una ‘rivelazione’ data da Dio. Essa è una ‘deduzione’ che gli uomini hanno fatto, e non una ‘dichiarazione’ che Dio ha fatto. Dio non ha MAI ‘dichiarato’ di essere trino. Nessun profeta del Signore ha mai parlato di un Dio trino. E noi siamo tra coloro che credono SOLO ai profeti del Signore…Siamo tra coloro che credono che l’unico battesimo in acqua accettato da Dio è quello descritto in Atti 2:38, il quale è l’adempimento, e non l’annullamento, di Matteo 28:19’.

Come potete vedere i Branhamiti a riguardo della Trinità parlano nella stessa maniera delle chiese pentecostali unitariane.

Confutazione

La dottrina della Trinità è biblica; guardiamoci dunque dal rinnegarla

Abbiamo già ampiamente dimostrato, quando abbiamo confutato i Pentecostali Unitariani, che la Trinità, cioè il concetto di un Dio Trino, è scritturalee perciò Cristo non è il Padre e neppure lo Spirito Santo ma solo il Figlio di Dio; e che il battesimo in acqua è giusto ministrarlo nel nome delle tre persone divine in base alle parole di Gesù Cristo; vi rimando dunque alla già fatta confutazione.

Anche i seguaci di Branham dunque errano grandemente nel parlare contro la Trinità e contro il battesimo nel nome delle Tre persone della Divinità. Essi errano per mancanza di conoscenza e perché non tagliano rettamente la parola di verità. Essi hanno preferito dare ascolto ad un uomo anziché alla Parola di Dio. Ad un uomo che, voglio ricordare, inizialmente, quando si convertì prima e poi quando cominciò a predicare, non era contro la Trinità, perché frequentava una Chiesa Battista e la Chiesa Battista sostiene la dottrina della Trinità. Egli cominciò a sostenere la dottrina ‘Gesù solo’ perché cominciò a frequentare i pentecostali antitrinitari. Che cosa ci insegna dunque l’esempio di Branham? Che occorre stare molto attenti a chi si frequenta, perché come dice Paolo: “Le cattive compagnie corrompono i buoni costumi” (1 Cor. 15:33). Certamente, se noi cominciamo a frequentare gente che nega la Trinità dicendo che c’è solo Gesù, finiremo col negarla pure noi. Bisogna dunque frequentare solo fratelli che professano la dottrina della Trinità. Branham aveva anche avuto delle visioni, aveva visto gli ammalati guariti nel nome di Gesù mentre era ancora un ministro Battista!! Eppure, e ripeto eppure, col frequentare gli antitrinitari si mise anche lui a negare la Trinità. Le visioni sono importanti, i doni di guarigioni pure; ma se non si rimane attaccati alla Parola di Dio ci si svierà dalla verità. Non importa quanti doni, e di che genere, si sono ricevuti da Dio, è di fondamentale importanza rimanere attaccati alla fedel Parola. Nessuno di voi dunque si illuda, fratelli; cogli antitrinitari non si può collaborare, con loro non ci si può associare, altrimenti ci si svia dalla verità che è in Cristo Gesù. Gli antitrinitari vanno ammoniti ed esortati a riconoscere i loro errori dottrinali facendo uso delle sacre Scritture.

Giacinto Butindaro


NOTE

[1] Anche per Branham, il Figlio di Dio non è eterno: ‘Vi sono certe persone che parlano di Gesù considerandolo l’Eterno Figliuolo di Dio. Ma non è un controsenso? Chi ha mai inteso che un Figliuolo sia eterno? I figli hanno un principio ma ciò che è eterno non ha alcun principio’ (ibid.,  pag. 24).

[2] Faccio presente che Branham non insegnava che il battesimo in acqua rigenerasse l’uomo infatti scrisse: ‘So che alcuni di voi, gente Unitarista, battezzate in modo errato. Voi battezzate per la rigenerazione come se potreste essere salvati tramite l’immersione nell’acqua. La rigenerazione non si attua attraverso l’acqua, bensì è l’opera dello Spirito Santo. L’uomo che per mezzo dello Spirito Santo diede l’ordine ‘Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel Nome di Gesù Cristo…’ non disse che l’acqua poteva rigenerarci, ma che è soltanto la richiesta di una ‘buona coscienza fatta a Dio’ (ibid., pag. 33).


Per approfondimenti e per una lettura completa, scarica gratuitamente il seguente libro:
Confutazioni delle Chiese pentecostali ANTITRINITARIE (I Gesù Solo) e i Branhamiti.


Vai ad inizio pagina.

Se vuoi commentare brevemente su questo argomento, compila il modulo, metti in modo corretto e veritiero tutti i dati richiesti, nell'oggetto il titolo dello scritto a cui intendi riferirti, stando attento a non sbagliare l'indirizzo e-mail, e invialo.

Se il tuo commento sarà ritenuto utile e costruttivo all'argomento in questione, sarà aggiunto tra i commenti qui sotto.

Clicca qui per compilare il modulo e inviare il tuo commento