Home > Per non dimenticare > Chiamato a fare il pastore

«Chiamato a fare il pastore»

Mosa Sono è nato nel 1961 a Johannesburg ed è stato allevato ed educato a Soweto. E’ cresciuto in una Chiesa Riformata Olandese, e all’età di diciassette anni sperimentò la salvezza dopo avere accettato l’invito di sua sorella ad andare ad una riunione organizzata da Youth Alive [‘Gioventù Viva’] a Soweto, fondata da Caesar Molebatsi. Durante il suo anno di immatricolazione alle scuole superiori (1979) aderì al Movimento Studentesco Cristiano ed era anche un insegnante della Scuola Domenicale nella sua chiesa.

In quel tempo fu chiamato da Dio al ministerio in questa maniera. Egli aveva appena completato un servizio di Scuola Domenicale in seno alla Chiesa Riformata Olandese che egli frequentava e stava aspettando il servizio di culto principale, quando avvertì un senso di aspettazione che Dio stava per fare qualcosa di speciale. Egli ebbe una visione in cui si vide in piedi dietro il pulpito, e fu spinto ad andare fuori a pregare. Lui prima di allora non aveva mai pensato di diventare un predicatore; a quel tempo egli voleva diventare un insegnante [di scuola]. Egli uscì fuori e pregò; e dopo rientrò nel locale di culto per l’inizio del servizio. C’erano altri giovani dietro di lui mentre egli camminava lungo il corridoio per andare a prendere posto. Improvvisamente, egli sentì una voce udibile che gli parlava, e si girò per guardare i giovani. Dio gli disse: ‘Queste sono le pecore che io ti chiamo a pascere. Io ti chiamo nel ministerio a pieno tempo a lavorare per me’. Egli seppe immediatamente che Dio lo chiamava ad essere un pastore; e tutto il suo desiderio di fare qualcosa di altro con la sua vita svanì. Egli fu riempito di un grande amore e di una grande compassione per la gente di Soweto, e cominciò a piangere. A questo punto la congregazione stava cantando un inno che coprì i suoi singhiozzi che stavano diventando sempre più rumorosi. Egli uscì fuori di nuovo, e quando si fu ricomposto cercò un consiglio da un ministro di culto, che non sembrò capire quello che era successo. Il risultato di questa esperienza fu che egli volle soprattutto fare l’opera di Dio e predicare, e partecipò sempre di più a varie attività cristiane in Soweto. Aveva diciotto anni a quel tempo. Si unì ai Pentecostali, e un amico lo condusse al battesimo con lo Spirito Santo. Ora egli è pastore di una Chiesa pentecostale a Soweto che si chiama ‘Grace Bible Church’ che nel 1991 contava circa 3200 membri.

Tratto e tradotto da un libro in lingua inglese (di cui non possediamo né il titolo e né l’autore perché quando la fotocopiammo non prendemmo i dati bibliografici).

[Dal sito "La Nuova Via", curato dal dottore della Parola di Dio: Giacinto Butindaro]

Vai ad inizio pagina.

Inviaci la tua testimonianza o di altri che ritieni edificante per la chiesa di Cristo Gesù: clicca qui per compilare il modulo e scriverci